Corpi scolpiti in trenta minuti. La liposuzione diventa smart. Nuova tecnica con il laser senza tagli e traumi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Corpi scolpiti e senza buccia d’arancia. La nuova magia che farà dire addio alla liposuzione è la laserlipolisi, una tecnica di liposcultura mini-invasiva laser-assistita di concezione totalmente rivoluzionaria con cui si effettua l’asportazione di tessuto adiposo ma senza traumi. Tutto funziona con l’energia laser che viene veicolata tramite una microcannula del diametro di un millimetro. La sonda può nello stesso momento utilizzare due frequenze diverse, una con l’obbiettivo di sciogliere il grasso, l’altra, ed è qui la vera rivoluzione, in grado di ricompattare e stirare i tessuti. La liposuzione e la liposcultura tradizionale hanno sempre avuto come limiti il fatto che le zone trattate potevano perdere elasticità e quindi in alcune parti del corpo, o quando la pelle era già flaccida, non venivano utilizzate. Senza contare poi che aspirando anche sangue i rischi non sono pochi. Questa nuova tecnica rappresenta quindi l’evoluzione della liposuzione tradizionale non solo per la minore invasività ma soprattutto perché ne amplia i risultati.

Ripresa immediata – La tecnica utilizza l’elevata potenza di picco dell’emissione laser per rompere le membrane degli adipociti. L’effetto non è puramente termico ma termomeccanico, in pratica l’assorbimento rapido ed elevato da parte della membrana adipocitaria permette di creare un’apertura nella membrana stessa favorendo la fuoriuscita del contenuto cellulare. Il risultato è la produzione di una soluzione oleosa di bassa viscosità che permette, da un lato, il facile modellamento del corpo e, dall’altro la sua facile rimozione. Al di là della sua comprovata efficacia in termini di eliminazione del grasso e stiramento della cute, un altro vantaggio di questa tecnica è la mini-invasività della metodica grazie alla possibilità di poter essere eseguito in anestesia locale restituendo al paziente una pronta ripresa della vita di relazione e un ridotto ricorso a bendaggi compressivi. Il decorso post operatorio è simile a quello di una liposcultura tradizionale ma con tempi di ripresa nettamente inferiori. Il lavoro può essere ripreso già il giorno dopo il trattamento, basterà portare per massimo tre settimane una guaina contenitiva. E dopo le prime quattro settimane si potrà tornare a prendere il sole. Insomma, i vantaggi non sono pochi, soprattutto per quei pazienti che sono impauriti dalla liposuzione per i rischi cardiocircolatori e per l’utilizzo degli anestetici, il tutto poi con costi contenuti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA