Listini europei deboli, li salva Wall Sreet

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

In Europa, la Borsa di Parigi ha chiuso a +0,1%, Madrid a +0,02% e  Francoforte a -0,28%. I listini Ue hanno quindi recuperato  sul finale, dopo essere arrivati a cedere oltre il punto   percentuale, grazie al miglioramento di Wall Street che, a  meta’ seduta, si e’ riportata sulla parità.

A Milano la giornata e’ stata caratterizzata da vendite in  quasi tutti i settori a parte la moda con Tod’s che ha guadagnato lo 0,89% e Ferragamo lo 0,61%. Fuori dal listino principale, ben comprate anche le Aeffe (+12,46%) sulle  indiscrezioni che danno fondi di private equity interessati  alla casa di moda.

Il comparto delle utilities ha limitato i danni con Terna che  ha chiuso a +0,61% e A2a a +0,11%. La societa’ milanese, in  particolare, ha beneficiato del fatto che, come anticipato da   Radiocor, incassera’ 90 milioni di euro dopo aver chiuso il contenzioso con Enel sulla distribuzione elettrica a Milano e Rozzano.

Fra gli industriali, segno meno oltre che per Fiat anche per  Cnh (-2,38%) e Finmeccanica (-1,04%). Nel settore bancario, vendite sul Banco Popolare (-2,84%) e Mediobanca (-2,28%)  nella settimana che accompagna piazzetta Cuccia alla  trimestrale.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA