L’Italia ingoia bocconi amari

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Le indagini sono state condotte dalla Cia, e hanno scoperto frodi per un miliardo. Ma non parliamo dell’agenzia amerciana, bensì della Confederazione italiana agricoltori la quale ha determinato che il falso in Italia fattura oltre un miliardo di euro l`anno. Per cui “è necessario prevedere “subito un sistema pubblico-privato nella lotta a contraffazioni e frodi”. La Cia lo ha chiesto in commissione Agricoltura del Senato. Il giro d`affari legato alle produzioni Dop e Igp supera nella sola Italia i 7 miliardi di euro per fatturato alla produzione e i 12,6 miliardi di euro per consumo. Circa un terzo del volume prodotto – è stato sottolineato dalla Cia – è destinato all`export, per un valore di circa 2,5 miliardi di euro. Un comparto che è passato da prodotti di nicchia a componente importante e dinamica dell`agroalimentare. Di contro, il valore delle merci contraffatte nell`alimentare è pari ad oltre un miliardo di euro l`anno, il 15 per cento dell`intera contraffazione rinvenuta in Italia. Si passa dall`usurpazione della denominazione a vere e proprie sofisticazioni e frodi alimentari.

Il prossimo semestre italiano di Presidenza dell`Unione europea rappresenta – ha rimarcato la Cia durante l`audizione a Palazzo Madama – un`imperdibile opportunità per porre nella dialettica comunitaria la centralità della tutela e della promozione delle produzioni agroalimentari di qualità e della loro origine, come strumento di crescita economica per le imprese.

Le indicazioni geografiche del “food” europeo, con la loro elevata propensione all`export, giocano un ruolo centrale per migliorare la competitività delle Pmi europee, anche in risposta alla crisi dei consumi interni. Intercettare la domanda internazionale di prodotti di qualità -ha sottolineato al
Cia- significa accrescere di oltre il 20-30 per cento il valore commercializzato rispetto ad un prodotto ordinario. I volumi di esportazione, pur rappresentando una quota significativa, come nel settore vitivinicolo, hanno grandi margini di miglioramento. La lotta alla contraffazione -ha sostenuto la Cia- presuppone la necessità di un coordinamento europeo e internazionale sul fronte dei controlli. Le operazioni repressive contro le contraffazioni e le frodi esercitate in campo agroalimentare dall`Interpol ed Europol in sinergia con le autorità internazionali offrono un ottimo modello di riferimento.

Sempre per la Cia, è necessario razionalizzare e migliorare nel nostro Paese il sistema di certificazione ed accreditamento. Gli organismi operanti sono in numero eccessivo, senza paragoni con il resto d`Europa, con problemi di competenza, reputazione, terzietà (esistono anche organismi che certificano un solo prodotto) e di costi. Occorre, al contrario, favorire un`azione di qualificazione ed accorpamento per avere un numero più
limitato di organismi efficienti, integrati nel sistema pubblico di vigilanza e ad alta reputazione anche internazionale.