Lo Stato ha 545 miliardi di crediti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Parlare di evasione è facile, combatterla un po’ meno. Soprattutto se i crediti presunti dallo Stato non possono essere più riscossi per mancanza della materia prima: i soldi.  Ammontano infatti al 5-6%, tra i 27 e i 33 miliardi, le somme “tecnicamente riscuotibili” della mole di 545 miliardi di crediti dello Stato non riscossi negli ultimi 15 anni. La stima è fornita dal direttore dell’Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, nel corso di un’audizione sul redditometro di fronte alla Commissione di vigilanza sull’anagrafe tributaria. “Secondo la Corte dei Conti sono 545 miliardi i crediti dello Stato non riscossi negli ultimi 15 anni, e di questi il 5-6% (una forbice tra 27,2 e 32,7 miliardi) è tecnicamente riscuotibile”, ha spiegato Befera.  Si tratta per lo più, ha aggiunto Befera, di somme  “relative a fallimenti, a soggetti che non esistono più o nullatenenti. Da 15 anni questi ruoli non vengono restituiti  agli enti impositori con la motivazione della mancata riscossione. Non è soltanto un fatto di controllo – ha concluso – i tentativi di riscossione, li’ dove era possibile, sono stati fatti tutti”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA