Londra torna in lockdown da oggi. Restrizioni per due settimane. Johnson: “Nuovo ceppo sembra si propaghi più velocemente”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Non possiamo festeggiare il Natale come lo avevamo programmato”. A dirlo, ieri, è stato il premier inglese Boris Johnson, annunciando la nuova stretta per Londra e altri parti del Paese a partire da questa mattina, di fatto in lockdown. “Saranno restrizioni simili a quelle adottate a novembre”, ha sottolineato Johnson spiegando che bisognerà restare a casa, con limitate eccezioni. Chiusi i negozi non essenziali e le palestre indoor. Inoltre, bisognerà lavorare da casa quando possibile, e non si potrà entrare o uscire dalle aree ‘rosse’. La restrizioni avranno una durata di due settimane e saranno riviste il 30 dicembre. “Un nuovo ceppo di Covid – ha detto ancora il primo ministro britannico – circola in Gran Bretagna, non ci sono prove di una maggiore letalità ma sembra che si propaghi più velocemente”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA