M5S, Conte: “Ci faremo sentire con voce ferma e chiara. La nuova squadra arriverà a settembre”

GIUSEPPE CONTE
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Non ho alcuna intenzione di utilizzare a fini personali l’investitura ricevuta da questa amplissima partecipazione degli iscritti. Voglio rafforzare le competenze trovate nel Movimento. La nuova squadra arriverà a settembre. Sarà la testimonianza di un grande rinnovamento, con l’inserimento di un centinaio di nuove figure”. È quanto ha detto al Fatto il neo presidente del M5S, Giuseppe Conte.

Con Di Maio, assicura Conte, “non c’è alcun dualismo. Nel nuovo Movimento non ci saranno governisti e anti-governisti. Lavoreremo tutti per offrire leale collaborazione al Governo di un Paese che deve ancora uscire dall’emergenza sanitaria. Sono tre anni che remiamo nella stessa direzione. Luigi è una risorsa del Movimento, e continuerà a esserlo. Ha avuto un ruolo apicale nel M5S”.

Nel Governo, aggiunge Conte, “ci faremo sentire, ma sui contenuti, con le proposte. Ci faremo sentire con voce ferma e chiara. A differenza di altri non ci sentirete gridare o giocare ad apporre bandierine”. Sul tema della giustizia, il presidente del M5S osserva come “senza il nostro intervento, le importanti modifiche ottenute non ci sarebbero state”.

Poi, annuncia Conte: “Lo dico chiaro a tutti i cittadini: se ci darete fiducia e forza alle prossime elezioni politiche, io prendo sin d’ora un impegno solenne. In prossimità della scadenza del periodo transitorio vigileremo affinché la durata media dei processi sia davvero più breve, in modo che non siano a rischio di estinzione. Altrimenti interverremo con i correttivi necessari”.

Infine, quanto al Green pass, Conte assicura che “vigileremo perché siano adottate misure necessarie, le meno restrittive possibili, nel segno dell’adeguatezza e della proporzionalità. Il Green pass in questo è una buona soluzione”.

Leggi anche: Plebiscito a Cinque stelle. Conte incoronato presidente. La strategia: nuove parole d’ordine e battaglie simbolo. “Tornare alla politica con la P maiuscola”.