M5S, Crimi: “Il voto non potrà avvenire su Rousseau. La piattaforma è inibita al trattamento dei dati degli iscritti. Rifletterò sulla mia permanenza nel Movimento”

M5S Crimi Grillo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Beppe Grillo ha indetto la votazione del comitato direttivo impedendo una discussione e una valutazione della proposta di riorganizzazione e di rilancio del MoVimento 5 Stelle alla quale Giuseppe Conte ha lavorato negli ultimi mesi, su richiesta dello stesso Beppe. Pur rientrando fra le sue facoltà indire la votazione, non concordo con la sua decisione”. Lo scrive in un post su Facebook il reggente del M5S, Vito Crimi, a proposito della posizione assunta ieri da Beppe Grillo (leggi l’articolo).

Il voto – aggiunge ancora Crimi -, tuttavia, non potrà avvenire sulla piattaforma Rousseau, poiché questa è inibita al trattamento dei dati degli iscritti al MoVimento. Inoltre, consentire ciò violerebbe quanto disposto dal Garante della Privacy. Gli avvenimenti di questi giorni, in particolare delle ultime ore, mi inducono ad una profonda riflessione sul mio ruolo nel Comitato di Garanzia e sulla mia permanenza nel MoVimento. Manterrò le mie funzioni per il tempo utile a consentire gli adempimenti necessari allo svolgimento delle prossime consultazioni”.

Leggi anche: Duro colpo per il M5S. Vaffa di Grillo alle condizioni di Conte. Ora nel Movimento si rischia la scissione. Oggi vertice urgente alla Camera. Sul tavolo c’è chi mette anche la fiducia a Draghi.

Nel post, pubblicato di ieri sul suo blog, Grillo aveva annunciato l’intenzione di indire la consultazione in rete degli iscritti al M5S per eleggere il Comitato direttivo. “Il voto – ha scritto Grillo – su qualsiasi altra piattaforma, infatti, esporrebbe il Movimento a ricorsi in Tribunale per la sua invalidazione, essendo previsto nell’attuale statuto che gli strumenti informatici attraverso i quali l’associazione si propone di organizzare le modalità telematiche di consultazione dei propri iscritti sono quelli di cui alla Piattaforma Rousseau (art. 1), e che la verifica dell’abilitazione al voto dei votanti ed il conteggio dei voti sono effettuati in via automatica dal sistema informatico della medesima Piattaforma Rousseau (artt. 4 e 6)”.

“Ho, pertanto chiesto a Davide Casaleggio – ha aggiunto il fondatore del M5S – di consentire lo svolgimento di detta votazione sulla Piattaforma Rousseau e lui ha accettato. Chiederò, poi, al neo eletto Comitato direttivo di elaborare un piano di azione da qui al 2023. Qualcosa di concreto, indicando obiettivi, risorse, tempi, modalità di partecipazione vera e, soprattutto, concordando una visione a lungo termine, al 2050. Questo aspettano cittadini, iscritti ed elettori. Una visione chiara di dove vogliamo andare e in che modo. Il perché, il cosa e il come. È sempre stata la nostra forza: consentire a tutti di sapere quale sarà il viaggio e accogliere chi è pronto per una lunga marcia. In alto i cuori!”.