Il generale dei carabinieri Mario Mori è stato assolto dal tribunale di Palermo. Era accusato di aver favorito la latitanza di Provenzano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il generale dei carabinieri Mario Mori è stato assolto dal tribunale di Palermo. Era accusato di non avere catturato ad ottobre del 1995 il boss di mafia Bernardo Provenzano, favorendo così la sua latitanza. I giudici hanno assolto anche il coimputato di Mori, il colonnello Mauro Obinu. Entrambi erano accusati di favoreggiamento aggravato alla mafia. Sono stati assolti “perché il fatto non costituisce reato”.

I giudici di Palermo hanno trasmesso gli atti alla procura ai fini della valutazione delle posizioni dei suoi principali accusatori Massimo Ciancimino, figlio dell’ex sindaco di Palermo Vito Ciancimino e imputato e testimone nel processo sulla presunta trattativa Stato-Mafia, e di Michele Riccio.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA