Corruzione, l’allungamento della prescrizione spacca la maggioranza. No di Area Popolare. E la riforma slitta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Spaccatura in maggioranza sul disegno di legge sulla corruzione. Che quindi slitta ancora. Almeno di altre due settimane. Area popolare si è schierata contro il nuovo testo sulla prescrizione riformulato dal governo che allunga di molto i termini per i reati di corruzione. Maria Elena Boschi si dice “molto fiduciosa che si troverà un accordo sulla prescrizione”. La nuova spaccatura, in Commissione giustizia alla Camera, si aggiunge a quella di ieri l’altro sull’emendamento riguardante il falso in bilancio inserito nella legge anti-corruzione questa volta all’analoga Commissione in Senato. L’ipotesi della discordia sulla prescrizione prevede l’innalzamento da un quarto alla metà il tempo da calcolare, in aggiunta al massimo della pena, per arrivare alla prescrizione del reato. La modifica alzerebbe fino a 18 anni il tempo in cui si prescrive il reato di corruzione.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I 5S al bivio della loro storia

Come i capponi di Renzo, che se le davano di santa ragione mentre era già pronta la loro pentola, nei Cinque Stelle si menano come fabbri incuranti del barbecue che li attende, gentilmente offerto dalle élites finanziarie del Paese con i loro camerieri di destra

Continua »
TV E MEDIA