Mamma li turchi! Ancora arrestati per il tentato golpe contro Erdogan: fermati 53 ex dipendenti della Borsa di Istanbul

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

A distanza di mesi, proseguono in Turchia le purghe post-golpe, per ordine di Recep Erdogan. La polizia ha arrestato stamane 53 ex dipendenti della Borsa di Istanbul sospettati di legami con la rete che fa capo all’imam Fethullah Gulen, accusato da Ankara di essere la “mente” del fallito colpo di Stato dello scorso 15 luglio.

Stando a quanto riferito dall’emittente locale Haberturk, le autorità hanno ordinato l’arresto di 102 persone nell’ambito di questa indagine. I sospetti finiti in manette erano già stati rimossi dai loro incarichi nei mesi immediatamente successivi al golpe. Finora circa 49mila persone sono state arrestate in Turchia in relazione al fallito colpo di Stato, mentre 150mila sono state indagate. Circa 145mila tra funzionari pubblici, uomini della sicurezza e accademici, inoltre, sono stati sospesi o licenziati.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA