Manovra, Conte: “Siamo al rush finale. So che siamo in zona Cesarini. Mi sarebbe piaciuto lasciare al Parlamento un più ampio margine di discussione”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Siamo al rush finale”. E’ quanto ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, parlando del maxiemendamento alla Manovra. “Confidiamo che nella giornata di domani – ha aggiunto il premier – la manovra al Senato possa essere approvata. So che siamo in zona Cesarini. Avrei voluto terminare il negoziato con la Ue prima, però un negoziato dipende da due parti. Ci rendiamo conto che abbiamo creato, nostro malgrado, un rallentamento dei lavori parlamentari”. “Mi sarebbe piaciuto lasciare al Parlamento – ha aggiunto Conte – un più ampio margine di discussione. Ma imbarazzo per qualche colpa no. Non mi devo giustificare se la trattativa ha impegnato tutto questo tempo”. Per quanto riguarda l’aumento dell’IVA, il presidente del Consiglio ha poi aggiunto: “Noi l’abbiamo ereditato. Vorrei ricordare che le clausole di salvaguardia non le abbiamo introdotte noi”. “Gestiremo con la stessa responsabilità nel 2020 e nel 2021”, ha assicurato il premier lasciando intendere che il governo procederà con l’obiettivo di scongiurare aumenti, come nel 2019.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA