Marine ci ha rimesso Le Pen. Ora per il Front National inizierà un nuovo corso. E cambierà pure il nome del movimento

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Solo dieci minuti dopo la chiusura del voto Marine Le Pen, quasi a sorpresa, è uscita pubblicamente a commentare la sconfitta nella sala dello Chalet du Lac, nel verde del Bois de Vincennes, a est di Parigi: “I francesi hanno scelto un nuovo presidente della Repubblica. E hanno votato per la continuità. Ho fatto già i miei auguri a Macron. Voglio ringraziare i francesi che mi hanno votato. Siamo la prima forza di opposizione al progetto di questo nuovo presidente. Propongo di trasformare il nostro movimento in una nuova forza politica, chiedo a tutti i nostri compatrioti di unirsi a noi in questa lotta politica contro la globalizzazione”. Un messaggio dritto alle forze di destra in vista delle legislative che si terranno in Francia il prossimo mese di giugno. Poco prima di uscire pubblicamente a parlare la Le Pen aveva avuto anche una cordiale telefonata di complimenti con Macron. D’accordo sul fatto che il Front National dovrà cambiare è il numero due Florian Philippot che ha aggiunto che il partito fondato 45 anni fa dal padre, Jean-Marie, ormai in rotta con la figlia, dovrà cambiare anche nome. Quasi immediata è arrivata la contro risposta del padre di Marine, Jean-Marie Le Pen: “Non lascerò il nome del Front National sparire così”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA