Nostalgia a stelle e strisce. Il sindaco Marino dopo meno di un mese torna negli Usa. Andrà a Filadelfia per la visita del Papa. Ma con Bergoglio non può incontrarsi a Roma?

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

A volte le critiche questo sindaco di Roma va proprio a cercarsele. A Ignazio Marino evidentemente non sono bastate le accuse estive per il suo lunghissimo viaggio negli Stati Uniti proprio mentre nella Capitale accadeva l’inferno. Dai funerali show dei Casamonica alle relazioni sul destino del Campidoglio in seguito agli sviluppi dell’inchiesta di Mafia Capitale. Fatto sta che giovedì Marino volerà nuovamente negli Stati Uniti per rispondere all’invito del suo omologo di Filadelfia, Michael Nutter, in occasione della visita di papa Francesco per l’ottavo incontro mondiale delle Famiglie che si terrà proprio nella città della Pennsylvania. Gli attacchi dei suoi detrattori sono scontati.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA