Marino assediato dai dipendenti comunali

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Fernando Magliaro

In 10mila, quasi un dipendente comunale su due, in piazza del Campidoglio questa mattina per protestare contro la sempre più probabile ipotesi che il sindaco Marino, con il bilancio 2014, decida di tagliare il “salario accessorio” dei dipendenti comunali. Dipendenti comunali, maestre d’asilo, vigili urbani: tutti in piazza, sotto tutte le diverse bandiere sindacali, per dire no a Marino e ai suoi tagli. Urla, fischietti, stricioni, traffico in tilt per tutta la mattinata. Dure le organizzazioni sindacali: Quest’amministrazione è diventata offensiva: offende la città di Roma, le divise, le scuole, i municipi, le assistenti sociali”, dice il segretario della Cisl Fp Giancarlo Cosentino. Rincara la dose Francesco Croce della Uil che parla di “politiche scellerate di Marino sul personale”. E chiude Natale Di Cola, segretario della Fp Cgildi Roma e del Lazio: «Domani prima dell’inizio del tavolo con il sindaco Marino chiederemo se ci sarà o no il taglio degli stipendi. Se viene confermato ci sarà la rottura immediata dei tavoli e proclameremo lo sciopero”.