Marò, dopo quasi tre anni l’Europa si sveglia e chiede il rimpatrio dei fucilieri di marina italiani e un cambio di giurisdizione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Che dire. Dopo oltre due anni l’Europa si sveglia sulla questione Marò. Il Parlamento europeo, riunito in sessione plenaria, ha cheisto che per i due fucilieri di marina italiani accusati di aver ucciso due pescatori indiani nel 2012 venga attribuita la competenza giurisdizionale del caso alle autorità italiane oppure a un arbitrato internazionale. Il tutto per trovare una “soluzione ragionevole e accettabile” per le parti coinvolte. Ce ne hanno impiegato di tempo per prendere una posizione in una vicenda dai caratteri sempre più grotteschi. Al dibattito in aula era presente anche l’alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri Federica Mogherini.