Marò, non c’è la pistola fumante. I proiettili che hanno ucciso i pescatori indiani non sarebbero quelli in dotazione alla Marina

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Importanti novità nell’ormai tristemente nota vicenda che vede protagonisti i marò. I proiettili che hanno colpito a morte i due pescatori indiani, infatti, non sarebbero quelli in dotazione ai militari in servizio con la Nato e quindi dei due fucilieri di Marina, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. È quanto emerge dai documenti dell’autopsia sui due pescatori e consegnati dall’India al Tribunale di Amburgo in occasione dell’arbitrato internazionale. La pallottola estratta dalla testa di una vittima indiana, è lunga 31 millimetri, molto più grande delle munizioni calibro 5 e 56 Nato in dotazione ai marò, lungo appena 23 millimetri.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA