Maroni fa il direttore d’orchestra e boccia l’inno lombardo confezionato da Mogol

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’inno lombardo confezionato da Mogol non è piaciuto al governatore della Lombardia Roberto Maroni. L’inno sarebbe dovuto essere pronto per settembre ma a quanto pare il presidente della regione è riuscito ad ascoltarlo solo pochi giorni fa. E lo ha rispedito al mittente. Conversando con i giornalisti a margine della seduta del Consiglio regionale al Pirellone, Maroni ha spiegato: “Me lo ha mandato ma lo voglio più inno. Glielo ho rimandato con alcuni suggerimenti. Sono un musicista, Mogol capirà”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA