Mascherine, 4 indagati a Roma nell’inchiesta sulle maxi commesse. C’è anche la Chaouqui. Alla pr dello scandalo Vatileaks contestata la ricettazione

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono quattro gli indagati nell’inchiesta della Procura di Roma sulle maxi commesse per l’importazione di 801 milioni di mascherine (valore 72 milioni di euro) ordinati a tre ditte cinesi nel corso della prima ondata di pandemia da coronavirus che ha investito il nostro Paese. Fra questi c’è anche la pr Francesca Immacolata Chaouqui (nella foto), nota per essere già stata coinvolta nel caso Vatileaks, alla quale i pm del pool coordinato dal procuratore aggiunto Paolo Ielo contestano il reato di ricettazione. “Sono sbalordita, è tutto pazzesco. E un errore. Io curo la comunicazione e sono pagata per una attività lecita e alla luce del sole. Delle mascherine non so nulla. I pm mi convochino subito, chiarirò tutto: è un trauma”, ha dichiarato Chaouqui appena appresa la notizia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica finita nel cesso

Passando al cesso più tempo della media – tra una foto ricordo e l’altra – a Sgarbi dev’essergli caduto dentro il cervello. Non può spiegarsi diversamente lo stupore che l’ha colto quando ieri migliaia di persone l’hanno sommerso di insulti per le volgarità gratuite che

Continua »
TV E MEDIA