Mediobanca, dopo vent’anni Bolloré esce dal patto. L’ultima disastrosa campagna d’Italia con i flop in Tim e Mediaset presenta il conto

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il gruppo Bolloré esce dal patto di Mediobanca. “Il Presidente dell’Accordo per la partecipazione al capitale Mediobanca – si legge in una nota – informa di aver ricevuto da Financière du Perguet (gruppo Bolloré), titolare di 69,7 milioni di azioni pari al 7.9% del capitale, lettera di disdetta anticipata con efficacia primo gennaio 2019”.

La comunicazione spiega che “dopo quasi vent’anni di adesione all’Accordo, la scelta è collegata al crescente impegno finanziario del gruppo Bolloré in Vivendi (la cui quota di possesso è cresciuta in 12 mesi dal 20,6% al 26,2%) e all’obiettivo di utilizzare con maggiore flessibilità i suoi asset”. Il Gruppo Bolloré precisa inoltre l’intenzione “di mantenere in portafoglio la partecipazione, seppur al di fuori dell’Accordo”, ed esprime “soddisfazione per gli eccellenti risultati conseguiti dal gruppo Mediobanca, convinto sostegno all’attuale strategia e pieno supporto al suo management”. (ITALPRESS)

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA