Meningite killer. A Firenze morto un altro bimbo, aveva 22 mesi: in due anni il bilancio è di 13 vittime

dalla Redazione
Cronaca

La meningite ha ucciso ancora Firenze. Un bimbo di 22 mesi era arrivato ieri sera all’ospedale pediatrico Meyer già in gravi condizioni a causa di un’infezione, diffusa a tutto l’organismo, da meningococco C, quello più grave. Il bambino, come è stato confermato da fonti ufficiali, non era stato sottoposto a un vaccino. Nello stesso ospedale l’ultimo mese è stato particolarmente intenso per la diffusione della meningite: due casi molto seri sono stati curati, anche in virtù della vaccinazione effettuata che è riuscita a limitare gli effetti dell’infezione. Nel 2016 già 6 persone sono morte in seguito alla malattia. Negli ultimi due anni sono in totale 13 i decessi per la meningite su un totale di 60 casi, con un tasso di mortalità intorno al 20%.

“Sono profondamente addolorata per la morte di questo bambino”, ha detto l’assessore alla Sanità della Regione Toscana, Stefania Saccardi. “Il bambino non era vaccinato. Proprio ieri, presentando le nuove misure della Regione contro il meningococco C, avevo ribadito l’importanza del vaccino, davvero l’unico mezzo per proteggersi dalla diffusione di questo batterio particolarmente aggressivo”, ha spiegato l’esponente della giunta regionale. “Dopo questa morte, rinnovo ancora una volta il mio appello e invito i genitori a rispettare il calendario vaccinale e a fare ai loro figli tutte le vaccinazioni necessarie. E anche gli adulti a vaccinarsi contro il meningococco C”, ha concluso Saccardi