Meno disoccupati a luglio. Anche tra i giovani. Arriva il ribasso atteso dal Governo dopo due aumenti consecutivi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Cala la disoccupazione a luglio. Il tasso registrato dai dati Istat si attesta al 12%, in calo di 0,5 punti percentuali sul mese precedente e di 0,9 punti nei dodici mesi. Dopo due aumenti consecutivi è arrivato il ribasso atteso dal Governo e dal ministro Poletti. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni a luglio è pari al 40,5%, in calo di 2,5 punti percentuali sul mese precedente e di 2,6 punti su base annua. Dopo 14 trimestri di crescita e il calo nel primo periodo del 2015, nel secondo trimestre il tasso di disoccupazione si attesta al 12,1% (-0,1 punti su base annua). Restano come sempre differenze rilevantissime da una parte all’altra dell’Italia:  7,9% nelle regioni settentrionali, 10,7% nel Centro fino ad arrivare al 20,2% nel Mezzogiorno. Gli occupati nel mese di luglio sono aumentati di 44mila unità (+0,2%). Rispetto al mese di luglio del 2014 il rialzo è di 235mila lavoratori in più (+1,1%).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA