Mercati deboli, lo spread ha la febbre

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Restano deboli i listini europei senza appigli in Wall Street, anch’essa negativa sull’onda delle tensioni sui mercati del Vecchio Continente per la Grecia e i timori su deflazione e scarsa crescita. Trascurati i dati macro Usa: la produzione industriale salita oltre le stime e le richieste di sussidi di disoccupazione scese ai minimi da aprile 2000. Piazza Affari chiude in calo ma recupera dai minimi toccati in giornata e tiene quota 18.000. L’indice Ftse Mib perde, alla fine, l’1,21% a 18.083 punti. Crolla Mps, pesante Telecom.

Madrid cede il 2,24%, Parigi l’1% mentre fanno meglio Londra (-0,7%) e Francoforte (-0,5%).

Lo Spread, che ha sfondato in corso di seduta i 200 punti base (il livello più alto da metà febbraio scorso), ripiega e torna sotto i 190 punti base, a quota 185. Il rendimento è al 2,62%.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA