Mes, Gualtieri: “Lo scenario è profondamente mutato rispetto a un anno fa, si ridimensionano critiche e dubbi”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Per quanto riguarda il Mes, lo scenario che si presenta oggi ai nostri occhi oggi è sicuramente profondamente mutato rispetto a quello di un anno fa, il che consente di ridimensionare critiche e dubbi che sono stati posti in passato. La crisi dovuta sanitaria al Covid si è rapidamente trasformata in crisi economica e sociale, l’Ue è stata messa a dura prova ma possiamo dire che ne sta uscendo rafforzata e con una risposta comune senza precedenti”. E’ quanto ha detto il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, in audizione presso le Commissioni Riunite Camera e Senato, in merito alla riforma del Mes.

“Il pacchetto che verrà discusso oggi all’Eurogruppo – ha aggiunto l’esponente dell’Esecutivo – riguarda tre elementi: la riforma del Mes, l’introduzione del dispositivo di sostegno al Fondo di risoluzione unico, il Common Backstop, e l’accordo sulla valutazione della riduzione rischi unione bancaria. Questa seconda parte del pacchetto rappresenta una vera novità e un valore aggiunto. Il raggiungimento dell’accordo è di importanza strategica per il rafforzamento dell’Unione bancaria, il meccanismo di supporto del fondo di risoluzione unica rappresenterebbe il secondo elemento di condivisione dei rischi”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è un fallimento

Continua »
TV E MEDIA