Messina Denaro, la Meloni vola a Palermo per congratularsi con i pm

Il premier Meloni ha incontrato questa mattina a Palermo i magistrati e i carabinieri che hanno condotto le indagini per la cattura di Messina Denaro.

Palazzo Chigi ha informato, con una nota diramata in tarda mattinata, che il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, si è recata questa mattina a Palermo per incontrare il procuratore distrettuale di Palermo, Maurizio de Lucia, i magistrati che hanno coordinato le indagini e i carabinieri del Ros che hanno eseguito l’arresto del boss super latitante Matteo Messina Denaro.

Pres meloni a Palermo

Il premier Meloni ha incontrato questa mattina a Palermo i magistrati e i carabinieri che hanno condotto le indagini per la cattura di Messina Denaro

“Il presidente Meloni e il sottosegretario alla Presidenza Alfredo Mantovano – riferisce la stessa nota – hanno osservato un minuto di raccoglimento davanti alla stele di Capaci, che ricorda le vittime della strage nella quale persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani”.

Meloni: “È un giorno di festa per le persone per bene”

“È un giorno di festa per le persone per bene – ha detto la Meloni a Palermo – e per le famiglie delle vittime della criminalità organizzata. Il sacrificio di tanti eroi non era vano. Quella guerra è stata portata avanti. Ci sono persone che hanno sacrificato tutta la loro esistenze per raggiunge questi obiettivi”.

“Oggi – ha aggiunto la Meloni commentando l’arresto di Messina Denaro – possiamo dire ai nostri figli che la mafia si può battere, ma non abbiamo vinto la guerra. Ma questa era una battaglia fondamentale da vincere ed è un colpo duro per la criminalità organizzata”.

Leggi anche: Messina Denaro trasferito in un carcere di massima sicurezza. Il boss ha già lasciato la Sicilia. Nella clinica dove è stato arrestato si faceva chiamare Andrea Bonafede

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram