Meteo e crisi ammazzano il turismo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

E’ stata l’estate nera del turismo. La conferma arriva da un’indagine di Federalberghi secondo cui il saldo dei pernottamenti da giugno ad agosto è pari allo 0% (rispetto al 2013). Mentre a luglio e agosto si è registrato un calo rispettivamente dello 0,6% e dello 0,2%.
Il crollo è stato determinato dall’ennesimo calo della domanda italiana (-0,6%) ed un da lievissimo incremento di quella straniera (+0,6%). In più, per la prima volta, i due mesi clou dell’anno, luglio ed agosto, hanno rispettivamente chiuso in negativo con un -0,6% ed un -0,2% di presenze alberghiere.

Dal punto di vista occupazionale, nel medesimo periodo, si è registrato addirittura un -1,3%, frutto di un -2,9% di lavoratori a tempo indeterminato ed di un -0,3% di lavoratori a tempo determinato. Sul versante dei volumi, alla contrazione dei prezzi certificata da Istat nei giorni scorsi, si aggiungono le cancellazioni e le partenze anticipate per il maltempo registrate sia nelle località marine sia in quelle montane, con un impatto sui fatturati delle imprese ricettive nel trimestre stimabile in un -5%.

La stagnazione dei mercati turistici nel Bel Paese è diventata quasi un fenomeno cronico che va curato con immediatezza e misure non convenzionali”. Ha detto il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, chiedendo la riduzione di pressione fiscale e del costo del lavoro e l’aumento del massimale per i pagamenti in contante. “Certo – ha aggiuntoo Bocca – nel trimestre estivo si sono succeduti fenomeni meteorologici avversi che hanno sicuramente remato contro le scelte turistiche degli italiani e degli stranieri, ma ormai la stagnazione dei mercati turistici nel Bel Paese è diventata quasi un fenomeno cronico”.