Follia su una carretta del mare. Migrante ucciso da uno scafista. Secondo i testimoni non avrebbe voluto dargli il suo cappello da baseball

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ucciso con un’arma da fuoco il giovane migrante recuperato dall’imbarcazione “Phoenix” della Ong Moas attraccata oggi a Catania. Il ragazzo della Sierra Leone aveva un’età compresa tra 21 e 22 anni ed è stato ammazzato dagli scafisti su una imbarcazione partita dalla Libia.

La conferma che il ragazzo sia stato freddato dal colpo di arma da fuoco è arrivata dal medico legale nominato dalla Procura di Catania che punta a fare chiarezza sulla vicenda. Non è chiaro ancora di che arma sia stata utilizzata.

Massimo riserbo anche sul movente dell’esecuzione. Sembrerebbe che ci sia stato un diverbio tra la vittima e uno degli scafisti che pretendeva il suo cappellino da baseball e che lui si era rifiutato di dargli. Non è escluso che possano esserci state delle incomprensioni legate alla lingua, visto che i due parlavano lingue differenti tra loro. Le indagini dovranno accertare questa ed altre questioni sulla tragica vicenda.