Migranti, si è gestito di peggio. Se ci fosse stata l’Europa il dramma si sarebbe potuto evitare

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La fiera del commento sulla crisi migratoria volge all’apocalittico. Si insiste che “non ha eguali nella storia recente”, che “un paragone moderno non esiste.” Qualcuno arriva a tirare in ballo il tardo Impero Romano, quando “le popolazioni barbariche erosero i confini.” La visione, fortemente eurocentrica, non tiene conto del fatto che esempi moderni, anche per ordine di grandezza, non sono poi così rari. Il caso più calzante per numeri e per intensità è quello seguito alla vittoria dei Viet Cong nella guerra conclusa con la caduta di Saigon nel 1975. L’esito del conflitto suggerì a tre milioni di abitanti del Vietnam e dei confinanti Laos e Cambogia di cercare altri lidi in gran fretta. Le destinazioni preferite erano Hong Kong—allora colonia inglese—Indonesia, Malaysia, le Filippine, Singapore e Thailandia. I più disperati si mossero in barca, affrontando gli stessi pericoli dei poveracci di oggi, con in più i terribili pirati dei mari indocinesi che hanno mandato a picco molti natanti dopo avere derubato i passeggeri e stuprato le donne. Circa 800.000 persone si sono salvate: meno della metà di quelle partite secondo stime accreditate. L’esodo ha lasciato dietro di sé il termine “boat people”, diventato corrente anche in italiano. L’ondata iniziale dei profughi asiatici – arrivata a toccare i 56.000 arrivi al giorno – ha richiesto una decina d’anni per essere smaltita in Occidente. Oltre la metà – parliamo di 625.000 persone – è finita negli Usa. Gli altri prevalentemente in Francia, Canada, Australia, Germania e Regno Unito. Quello che succede oggi è dunque gestibile – nel caso qualcuno volesse farlo. Quello che è diverso rispetto al tragico episodio indocinese è che allora c’era qualcuno disposto a farsi carico del problema – gli Usa, per un evidente fatto di “coda di paglia” dopo la sconfitta vietnamita – mentre fino a poco fa la reazione europea ai migranti è stata “armiamoci e partite”. Qualcosa d’importante invece è uscito dall’accordo tra Germania, Francia e Italia su “un’equa ripartizione dei rifugiati sul territorio europeo”. L’implicita sottolineatura che non si poteva più aspettare che Bruxelles si desse una mossa “unitaria” mette in evidenza la crisi dell’Unione come attore politico. In sé però l’azione è indice di vitalità, la prova che l’Europa delle nazioni è ancora in grado di agire se è proprio necessario. Ed è proprio necessario.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA