Trafficanti arrestati tra Bari, Catania e Salerno. Avevano contatti con i filo-jihadisti di Al Shabaab. Indagato pure dipendente comunale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Trafficanti di uomini arrestati tra Bari, Catania e Salerno. Si tratta di cittadini somali per cui è stata disposta la custodia cautelare in un’indagine coordinata da Dda e che ha portato a un’operazione della polizia di Bari. Le accuse a loro carico sono quelle di associazione per delinquere finalizzata alla permanenza illegale di clandestini in Italia ed al successivo ingresso in Paesi esteri, favoreggiamento di immigrazione clandestina a scopo di lucro, uso di documentazione falsa, corruzione di incaricato di pubblico servizio e falso ideologico in atto pubblico.

La presunta organizzazione avrebbe curato rapporti, attraverso Facebook e altri social network, con soggetti ritenuti filo-jihadisti, vicini al gruppo terroristico somalo Al Shabaab. Sono state documentate, inoltre, una serie di telefonate tra uno dei membri del gruppo terroristico e un cittadino somalo. L’uomo era stato già sottoposto a fermo in Italia nel luglio 2016 perché accusato di aver favorito l’ingresso sul territorio nazionale di due foreign fighters militanti dell’Isis.

La Polizia postale ha provveduto ad oscurare i siti informatici non abilitati in Italia su cui l’organizzazione si muoveva per effettuare i servizi di pagamento per mettere in moto il presunto traffico di esseri umani. Nel registro degli indagati è finito anche un impiegato del Comune di Bari che si sarebbe fatto corrompere: avrebbe dichiarato il falso relativamente a inesistenti residenze di cittadini somali in città.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è un fallimento

Continua »
TV E MEDIA