Milano, esplosione di via Brioschi: indagato per strage il capofamiglia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

È  finito nel registro degli indagati della Procura di Milano, Giuseppe Pellicanò, l’uomo rimasto ferito nell’esplosione di un palazzo a Milano. Che ora è accusato di aver provocato volontariamente la fuga di gas all’origine della deflagrazione. Nella deflagrazione erano morti la moglie, Micaela Masella, 43 anni, e due vicini di casa, Riccardo Maglianesi e Chiara Magnamassa, 27 anni. La svolta dell’inchiesta si scopre da un “avviso di accertamento non ripetibile” in cui i pm Elio Ramondini e Nunzia Gatto chiedono la nomina di un perito all’indagato per effettuare accertamenti tecnici sulla fuga di gas. Gli accertamenti riguardano impronte riscontrate sul luogo dell’esplosione e tracce biologiche.

Pellicanò, che deve essere ancora interrogato, si trova ancora ricoverato a Niguarda, così come le sue bambine, per le gravi ustioni riportate. Dall’inchiesta è emerso che l’uomo era in cura da uno psichiatra e da uno psicologo per problemi di depressione e, con la moglie stava frequentando un professionista che si occupa di mediazione familiare per rendere meno traumatica la separazione.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA