La donna di 75 anni morta dopo la seconda dose del vaccino Pfizer a Genova

Pfizer
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una anziana ultravulnerabile di 75 anni è morta sabato scorso all’ospedale San Martino di Genova dove era arrivata in gravi condizioni. La donna aveva ricevuto la seconda dose del vaccino Pfizer da qualche giorno. La direzione sanitaria ha segnalato il decesso alla procura e al ministero della Salute per le valutazioni del caso.

La donna di 75 anni che muore dopo la seconda dose del vaccino Pfizer

Per questo la procura farà eseguire l’autopsia. È invece atteso per domani l’esame autoptico su Francesca Tuscano, la docente di 32 anni morta per emorragia cerebrale la mattina di Pasqua. La donna aveva ricevuto il vaccino Astrazeneca il 22 marzo. La procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo a carico di ignoti. I giudici vogliono capire se vi sia una correlazione tra il farmaco e il decesso. La procura ha affidato le indagini ai Nas, guidati dal maggiore Massimo Pierini.

Infatit nelle prossime ore il pm Arianna Ciavattini, titolare dell’inchiesta insieme all’aggiunto Francesco Pinto, si confronterà con esponenti dell’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, e del comitato tecnico scientifico, per avere le informazioni tecniche e scientifiche sull’iter vaccinale e sulle caratteristiche del farmaco. Era stato lo stesso procuratore generale della Cassazione Giovanni Salvi a inviare una lettera ai 26 procuratori generali delle corti d’appello per uniformare il lavoro delle procure. A fare aprire l’indagine sono state la giovane età della docente genovese, l’assenza di patologie pregresse conosciute e il breve lasso di tempo tra la somministrazione del farmaco e il decesso.

Leggi anche: Il bollettino sul coronavirus di oggi 8 aprile