Musei pieni d’arte ma sconosciuti. Uno studio svela lo scarso appeal dei siti culturali. Il 47% degli italiani non sa neppure dove si trovano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tanta ignoranza non si era mai vista. Che la cultura nel nostro Paese abbia perso da tempo il suo l’appeal ormai non è più neanche una notizia. Ma che addirittura la metà degli italiani non sia a conoscenza neppure di dove si trovino i musei, significa davvero aver toccato il fondo. Sarà che il web sostituisce tutto, persino i libri, sarà che i soldi, quando ci sono, i ragazzi e non solo, preferiscono spenderli altrove, fatto sta che i nostri siti culturali restano grandi sconosciuti.

E’ anche vero che molto spesso la comunicazione dei musei è ancora una pagina bianca e questo significa che troppo spesso proprio non si è a conoscenza di eventi, mostre o altro, basti pensare che tra i pochi visitatori la fonte è di oltre l’80 per cento esclusivamente internet, però anche i pochi cittadini informati non sono comunque interessati. Infatti, secondo una ricerca commissionata al Politecnico di Milano dai Musei Reali di Torino con le Gallerie Estensi e il Palazzo Ducale di Mantova, il 47 per cento degli italiani, intervistato in luoghi come centri commerciali, parchi e piazze localizzati nella città o addirittura nelle vicinanze di un sito, non ne conosce l’esistenza.

ALTRE COMPETENZE. E un ulteriore 18 per cento, pur sapendo che il museo c’è, ha dichiarato di non volerlo visitare. Insomma, in poche parole, i nostri siti culturali, tra i più belli al mondo, sono luoghi sacri pieni di oggetti e vuoti di persone. Per Michela Arnaboldi, responsabile scientifico della ricerca, il problema è che i musei sono nati per conservare il patrimonio, ma ora devono anche prepararsi alle sfide del futuro: e quindi diventare interattivi, cioè spazi in cui il visitatore possa anche divertirsi per far passare un messaggio culturale più alto e farli passate anche meglio attraverso i Social, unico strumento trasversale a tutte le fasce d’età. In breve, bisogna modificare le loro competenze, affinché diventino luogo di educazione, e capire quale sia il valore da fornire agli utenti.

Proprio per questo è stata effettuata questa ricerca. Il primo dato che è stato analizzato è quello dei visitatori ma ancora più importante è stato far emergere chi è il pubblico e cosa percepisce delle istituzioni museali, profilando soprattutto il cosiddetto non-pubblico, cioè quelle persone che potrebbero andare al museo ma non ci vanno. L’obiettivo è arrivare a queste persone. E per farlo bisogna capire gli interessi che hanno nel tempo libero. Sulla base di questi dati ora tutti i siti culturali sapranno meglio su quali piani muovere le loro forze, cercando di migliorare l’accessibilità, ma anche di promuovere politiche per aiutare non solo cittadini, ma anche turisti a conoscere e comprendere le meraviglie del nostro Paese.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA