Mutui e bollette mettono le famiglie in ginocchio. Nel 2014 rate, prestiti e consumi domestici insoluti pari a 56,2 miliardi di euro. Debiti quadruplicati dal 2007

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Mutui, prestiti al consumo, bollette: sono questi gli oneri che stanno mettendo in ginocchio le famiglie italiane. La crisi del comparto finanziamenti, spesso annunciata come alle spalle o, per lo meno, in forte regressione, mostra l’altra faccia della medaglia, quella più scura e lugubre. Ed è la faccia del recupero crediti, che lavora a pieno regime e macina vittime. Sul web comparatori di mutui come supermoney.eu consentono di raffrontare tassi e tariffe per individuare soluzioni vantaggiose, politiche di incentivazione stimolano la crescita della domanda e gli interessi richiesti sono in netto calo. Ma ciò che non viene raccontato è quello che segue all’accettazione della domanda di finanziamento. L’insolvenza è una piaga spesso sommersa e che fa sempre più paura.

Rate di mutui e prestiti insostenibili: 40,6 milioni di pratiche in tutta Italia

L’ammontare totale del debito accumulato dalle famiglie italiane è pari a 56,2 miliardi di euro, un’insolvenza distribuita su circa 40,6 milioni di pratiche terminate negli uffici delle società di recupero crediti (+4% sul 2013). Le rate dei mutui e dei prestiti e i costi delle bollette sull’energia sono la zavorra che affossa gli italiani. È quanto rivelato da una ricerca dell’Unirec (Unione Nazionale Imprese a Tutela del Credito) in collaborazione con Il Sole 24 Ore.

Rispetto al 2007, l’insolvenza totale è pressoché quadruplicata nel 2014, con un +16% rispetto al 2013. A soffrire sono soprattutto le famiglie, che da sole assorbono l’88% del debito totale (corrispondenti a 448 miliardi di euro). Solo il restante 12% fa riferimento a debiti contratti da società commerciali e Pmi.

Tasso di recupero deludente

Le procedure per il recupero del debito maturato su mutui e prestiti, inoltre, non sortiscono l’effetto sperato e si dimostrano scarsamente risolutive. Nel 2014 la quantità di debito recuperata è stata pari a 9,2 miliardi di euro, rappresentativi appena del 17,5% delle insolvenze totali. Il ticket medio dei debiti è stato pari a 1.385 euro, al +11% su base annua. Cifra che supera i 2.000 euro se si considerano soltanto le insolvenze sulle rate di mutui e prestiti, rappresentative del 72% del debito totale contratto dai risparmiatori nostrani.

La situazione, inoltre, secondo le stime di settore non migliorerà: nel 2015 l’insolvenza dovrebbe sforare il tetto dei 60 miliardi tra mutui, finanziamenti sul credito e bollette insolute, con l’aggravante che molte pratiche fanno riferimento a debiti pregressi e che, per tanto, non potranno contare sulla possibilità di rateizzare il reintegro. In compenso, dovrebbe crescere il tasso di recupero, stimato intorno al 19%. Ironica consolazione.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA