‘Ndrangheta Capitale, trovato in un bunker il latitante Mollica. Ricercato da oltre 20 giorni nell’ambito dell’indagine Fiore calabro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Fine della corsa per Domenico Antonio Mollisa. Arrestato dalla Polizia vicino Roma dopo 20 giorni di latitanza. L’ordine di arresto cautelare era arrivato nell’ambito dell’operazione “Fiore calabro” relativa alla ‘ndrangheta nella Capitale. A lui viene contestata l’intestazione fittizia di beni aggravata dal metodo mafioso commessi per favorire la ‘Ndrangheta. Mollica si trovava in un bunker realizzato nel sottotetto della sua abitazione. L’accesso al bunker era camuffato all’interno di un armadio a muro. Quando gli agenti sono entrati nell’abitazione il ricercato non c’era, ma convinti della sua presenza i poliziotti hanno chiesto la collaborazione dei Vigili del fuoco riuscendo, così, a trovare quell’accesso segreto nel sottotetto. Lì è venuto fuori un locale vero e proprio da dove si nascondeva Mollica.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA