‘Ndrangheta e estorsioni, uno degli indagati dell’inchiesta sul clan Labate riconosciuto da una delle vittime grazie a un video pubblicato in rete da Klaus Davi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un indagato, accusato di estorsione nell’ambito dell’inchiesta contro la cosca di ‘ndrangheta dei Labate che oggi ha portato in Calabria a 14 arresti, è stato riconosciuto dalla vittima grazie a un video su Internet. A svelare il particolare è stato il procuratore capo di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri: “Uno degli imprenditori – ha spiegato il procuratore – ha avuto modo di riconoscere uno degli indagati che si era presentato con le richieste estorsive, grazie a un video che era stato postato da Klaus Davi su internet, riconoscendo così ‘Vecchia Romagna’ (il nomignolo dell’indagato, ndr) di cui non conosceva il nome, facendo riferimento a quel video”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA