Nessuno sconto ai disabili, il Governo fa pagare il canone Rai a tutti

di Stefano Iannaccone
Economia

Nessuno sconto nemmeno alle persone con disabilità. Anche loro dovranno pagare per intero il canone Rai, inserito in bolletta. Certo, questo avveniva già dal 2008. Ma il Governo, nell’ambito della sbandierata riforma che inserisce il costo nella bolletta elettrica, non ha previsto novità in tal senso. E anzi ha detto no alla richiesta della Lega che avrebbe voluto ampliare la platea delle esenzioni. Il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, si è limitato a un generico: “Vedremo”. Ma per l’anno in corso non c’è scampo: e persone con disabilità dovranno versare la quota per il canone Rai.

PROPOSTA CARROCCIO
La Lega, contraria totalmente al balzello, aveva chiesto all’esecutivo un gesto di apertura. “Crediamo che sia doveroso pensare a misure normative e sviluppare progetti a sostegno delle persone diversamente abili, con l’obiettivo di migliorare il più possibile la loro qualità di vita”, ha affermato il deputato del Carroccio, Stefano Borghesi, illustrando un’interrogazione depositata alla Camera.  Che ha aggiunto: “Per le persone con grave disabilità, la televisione rappresenta spesso il principale mezzo di informazione e di compagnia. L’apparecchio televisivo, infatti, è uno strumento tecnologico in grado di facilitare le comunicazioni con il mondo esterno ed è anche uno strumento ricreativo”. Da questo ragionamento è stata messa nero su bianco la richiesta di esenzione per i disabili. “Il decreto attuativo, che ha previsto l’inserimento del pagamento del canone Rai  nella bolletta elettrica, non pare essere lo strumento normativo adeguato per prevedere l’esenzione dal pagamento del canone per determinate categorie di soggetti”, ha affermato Padoan, in punta di diritto. E per il futuro? Nessuna promessa. Solo un’ipotesi: “I recuperi dell’evasione, sul pagamento del canone, potrebbero essere destinati al sostegno di tali categorie. Ma la Lega ha contrattaccato: “Il richiamo ai decreti attuativi non sta in piedi. Almeno per soggetti così svantaggiati, prevedere un’abolizione del canone Rai ci sembrava assolutamente il minimo”, ha incalzato Borghesi. E per il sordomuti la beffa è doppia. “Nessuna esenzione o sconto. I sordomuti il canone devono pagarlo interamente, perché i programmi Rai hanno i sottotitoli”, ha sostenuto l’azienda di viale Mazzini. Dimenticando che per i nuovi canal digitali e le dirette non è prevista la sottotitolazione.