Netanyahu rimette il mandato nelle mani del presidente Rivlin. Il premier israeliano non è riuscito a formare il Governo. Nuovo incarico a Gantz

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha annunciato che rimetterà il mandato di formare il nuovo governo nelle mani del presidente Reuven Rivlin. Il leader del Likud, per la seconda volta in sei mesi, non riesce a formare il governo. Netanyahu aveva ricevuto l’incarico da Rivlin lo scorso 25 settembre e dopodomani sarebbe scaduto il termine. Rivlin intende “trasferire il mandato per formare il nuovo governo, il più presto possibile”, al presidente di Blu-Bianco Benny Gantz e “di affidargli 28 giorni di tempo così come previsto dalla legge”. In un video postato su Facebook, Netanyahu ha sottolineato di aver lavorato, da quando ha ricevuto il mandato, “senza sosta per stabilire un largo governo di unità nazionale” ma che gli sforzi per portare Gantz al tavolo negoziale, per prevenire nuove elezioni, sono falliti visto che il suo partito “ha sempre rifiutato”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA