Niente sorprese a Ferragosto. Il Fisco dal 10 al 25 agosto sospende la notifica di avvisi e cartelle

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’Agenzia delle entrate-Riscossione, d’intesa con gli operatori postali, sospende dal 10 al 25 agosto l’attività di notifica di circa 800 mila atti che sarebbero stati altrimenti recapitati nelle due settimane centrali del mese. Il Fisco ha “congelato”, in particolare, 492.885 atti tra cartelle e avvisi che sarebbero arrivati per posta e 305.726 da notificare via Pec (posta elettronica certificata), per un totale di 798.611 comunicazioni. Niente stop, invece, per tutti gli atti cosiddetti “inderogabili” (circa 25mila) che saranno ugualmente notificati con la Pec o tramite gli operatori postali. La notifica di tutti i documenti “congelati” riprenderà al termine delle settimane di sospensione. Nell’area riservata del portale di Agenzia delle entrate-Riscossione, e anche con l’app Equiclick per smartphone e tablet, è disponibile il servizio “Controlla la situazione – Estratto conto” con cui l’utente, accedendo con le credenziali personali, può verificare cartelle e avvisi a partire dall’anno 2000, i versamenti già effettuati o da effettuare, le rateizzazioni e le procedure in corso, nonché effettuare i pagamenti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA