Ignoranti, complottisti, ma soprattutto pericolosi. Ecco chi sono i No Vax fermati dalla Polizia perché pianificavano azioni violente

no vax Telegram Polizia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ignoranti, complottisti, ma soprattutto pericolosi. Decisi ad alzare il tiro nelle manifestazioni di piazza, procurandosi armi e colpendo politici e giornalisti. Questo l’identikit che emerge dalle indagini della Procura di Milano, che ieri hanno portato a otto perquisizioni a carico di altrettanti indagati (leggi l’articolo), accusati di istigazione a delinquere aggravata. Secondo gli inquirenti il gruppo, che pianificava le proprie azioni sulla chat Telegram denominata “I guerrieri”, intendeva entrare in azione durante la manifestazione No Vax e No Green Pass organizzata a Roma per l’11 e il 12 settembre.

IL BLITZ. Le perquisizioni sono state compiute dalla Polizia di Stato a Milano e in diverse altre città, tra Bergamo, Venezia, Padova, Reggio Emilia e Roma. Per il capo del pool antiterrorismo di Milano, Alberto Nobili, e il pm Piero Basilone, che hanno fatto scattare il blitz le “azioni violente” in programma erano “tese a mutare o condizionare la politica governativa e istituzionale in tema di campagna vaccinale”. Durante le perquisizioni in casa dei No Vax sono poi state trovate anche diverse armi come sciabole, katane, coltelli, sfollagente e spray al peperoncino

Tra gli indagati, tutti incensurati e senza essere particolarmente legati a qualche forza politica, di età compresa tra i 33 e i 52 anni, vi sono un dipendente di un’azienda di ristorazione, uno di un grande magazzino, un custode, una cameriera e un cassintegrato. Ad avere armi da fuoco era però solo un 53enne di Bergamo, che deteneva regolarmente due pistole e a cui adesso “verrà revocato il permesso per uso sportivo”.

Secondo gli investigatori, “molto determinate e arrabbiate” erano soprattutto le cinque donne del gruppo. Gli indagati, in base a quanto specificato dalla questura di Milano, avrebbero inoltre incitato gli altri membri del gruppo Telegram a realizzare azioni violente nelle rispettive province di residenza “contro non meglio precisati obiettivi istituzionali o approfittando della visita di esponenti dell’esecutivo”.

I MESSAGGI. Per gli inquirenti, nella chat dei No Vax è emerso uno scenario di “odio e livore inimmaginabile” verso i politici e soprattutto verso i giornalisti, che avrebbero dovuto essere i primi da aggredire. “I giornalisti, i media saranno i primi ad andarsene. Se in lontananza, nascosti, vedete i furgoni delle tv private o pubbliche, dategli fuoco… una molotov. O con loro dentro o vuoto il furgone dovete dargli fuoco”, affermavano in chat gli indagati.

La questura a Milano ha anche evidenziato che gli indagati “per la stampa, ritenuta asservita al regime, avevano un vero e proprio odio viscerale”. In un’altra conversazione parlavano di far saltare il Parlamento con del tritolo, utilizzando un drone: “Radere al suolo il Parlamento con tutti loro dentro. Basta un piccolo drone pilotato a distanza da uno dei tetti di Roma… un 500 grammi di tritolo e lo lasci cadere durante la seduta…”.

Leggi anche: Rischio lupi solitari ed estremismi nelle manifestazioni No Vax e No Green Pass. L’allarme della Lamorgese: “I toni salgono sempre di più”.