Non siamo i polli di Renzi. Con un più 0,8% di crescita nel 2015 il premier festeggia. Ma con lo zero virgola ci si eccita poco

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Francesco Bonazzi

Ma chi l’ha detto che “l’economia è la scienza triste”. Prendete il Matteo Renzi di ieri. Con un più 0,8% di crescita nel 2015 è subito volato in tv a festeggiare da par suo. “Con questo governo le tasse vanno giù, gli occupati vanno su, le chiacchiere dei gufi invece stanno a zero”, ha detto il Presidente del Consiglio al Tg1. E pazienza se abbiamo il rapporto deficit-pil al 2,6%, la disoccupazione stabile all’11,5%, il debito pubblico che continua a crescere, i consumi inchiodati e non approfittiamo come dovremmo di un petrolio sui minimi e del metadone monetario della Bce. Ma anche a volersi eccitare con gli zero virgola, i due decimali in più sbandierati da Renzi dipendono in realtà dalla revisione al ribasso del Pil 2014 fatta a settembre, come hanno notato gli economisti Puglisi e Daveri. In questi giorni, dopo gli scandali, alcuni banchieri buontemponi hanno detto che serve una maggiore educazione finanziaria. Insomma la colpa è dei risparmiatori che sono ignoranti. Mai nessuno che proponga maggiore cultura macroeconomica. Nel paese dei Renzi servirebbe a non passare per gufi se solo ci si rifiuta di bersi la qualunque.