Nono calo consecutivo del Pil, ma per Letta la ripresa è a portata di mano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nel terzo trimestre del 2013 il prodotto interno lordo (Pil) italiano è diminuito dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e dell’1,9% nei confronti del terzo trimestre del 2012. E’ quanto rileva l’Istat. Con la flessione dello 0,1% nel terzo trimestre del 2013, sono nove i cali congiunturali consecutivi del Pil in Italia. Il dato risulta in linea con le attese.Il calo congiunturale è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nei comparti dell’agricoltura e dei servizi e di un aumento del valore aggiunto nell’industria. Il terzo trimestre del 2013 ha avuto tre giornate lavorative in più del trimestre precedente e una giornata lavorativa in più rispetto al terzo trimestre del 2012. La variazione acquisita del Pil per il 2013 è pari a -1,9%. Inoltre, sottolinea l’Istat, sempre nel terzo trimestre del 2013 in termini congiunturali il Pil è aumentato dello 0,7% negli Stati Uniti e dello 0,8% nel Regno Unito. In termini tendenziali la crescita è stata dell’1,6% negli Stati Uniti e dell’1,5% nel Regno Unito.

Nonostante i chiari segnali il premier Enrico Letta intervenendo al Consiglio nazionale del Coni ha affermato: “Per far ripartire l’economia e i consumi l’elemento di fiducia è fondamentale, ci sono segnali macroeconomici che non si vedono né si toccano, ma ci dicono che la ripresa nel 2014 è a portata di mano”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA