Nuovi guai per Siri. Per il palazzo col mutuo da San Marino ora la Procura di Milano ipotizza il reato di autoriciclaggio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Svolta nell’inchiesta sulla palazzina comprata da Armando Siri a Bresso. Da ieri nel fascicolo, tutt’ora a carico di ignoti, i pubblici ministeri di Milano hanno ipotizzato il reato di  autoriciclaggio. La vicenda è quella che vede protagonista l’ex senatore della Lega che aveva acquistato l’immobile in provincia di Milano grazie a un mutuo sospetto da 585mila euro, acceso presso una banca di San Marino.

Ma i grattacapi per Siri non sono finiti. Il politico, infatti, è ancora indagato  a Roma per corruzione in una tranche di una inchiesta della Dda di Palermo su Francesco Arata e Vito Nicastri, il re dell’eolico considerato tra i finanziatori della latitanza di Matteo Messina Denaro. Un’indagine che è costata a Siri il posto di sottosegretario alle Infrastrutture del governo di Giuseppe Conte.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA