“La Lega voti contro il nuovo decreto”: il deputato Claudio Borghi all’attacco del governo Draghi

Claudio Borghi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Per il deputato leghista Claudio Borghi, il suo partito dovrebbe votare contro il decreto se non prevede aperture nelle regioni con i contagi sotto controllo: “Mi piacerebbe che ci fosse un’approfondita discussione su decisioni che toccano la vita di milioni di italiani. Invece è tutto demandato ai tecnici, nelle cui cabine di regia non si raggiunge nemmeno l’unanimità” dice in un’intervista a ‘La Repubblica’.

“La Lega voti contro il nuovo decreto”: il deputato Claudio Borghi all’attacco del governo Draghi

“Vorrei che la decisione fosse politica. I numeri alla base delle decisioni non sono univoci – spiega – i cittadini hanno eletto me come loro rappresentante e quindi provvedimenti così rilevanti devono passare attraverso il Parlamento”. Borghi dice di non essere il solo a contestare l’Rt: “Il professor Antonello Maruotti, ordinario di statistica a Roma, contesta il metodo di calcolo. Perché non trova ascolto? Vedo che nei talk spopola Nino Cartabellotta della Fondazione Gimbe che è un noto gastroenterologo. Nulla contro la categoria, che anzi mi cura la mia ernia iatale, ma perché devono parlare solo i ‘chiusuristi’?”.

La cosa migliore per Borghi “sarebbe spazzare via la cabina di regia per riportare la decisione nelle commissioni parlamentari. È formata da tecnici del Ministero della salute e delle regioni. Non c’è neanche un deputato”. Anche a Montecitorio è pieno di ‘chiusuristi’ “ma almeno gli elettori saprebbero chi è veramente contrario”. Borghi non è deluso da Draghi “però aveva esordito ribadendo la centralità delle Camere. Invece per ora fa ancora un po’ come Conte. Ci sono studi secondo i quali non è vero che i ristoranti aperti producono più contagi. Sarebbe bello poterne discutere”. Salvini “ha detto una cosa di buonsenso politico, cioè che è impensabile protrarre così a lungo le chiusure”. I contagi “salgono anche con le chiusure, magari – aggiunge – le restrizioni sono parte del problema”.

Leggi anche: Verso un nuovo lockdown fino al 30 aprile: Italia chiusa fino a maggio 2021. Il silenzio di Salvini messo a cuccia da Draghi