Nuovo giro di consultazioni. Fico mette tutta la maggioranza attorno a un tavolo per parlare di temi. “C’è la disponibilità a trovare una sintesi”

Roberto Fico
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Dagli incontri che si sono svolti nel pomeriggio di ieri e nella giornata di oggi, è emersa da parte delle forze politiche la disponibilità comune a procedere con un confronto su temi e punti programmatici per raggiungere una sintesi. Per questo motivo ho promosso l’avvio di questo confronto per la mattinata di domani qui a Montecitorio”. E’ quanto ha detto ieri il presidente della Camera, Roberto Fico, dopo la conclusione della prima fase degli incontri con le forze politiche.

Consultazioni riprese questa mattina con una nuova formula. Tutti gli attori della maggioranza, quella che finora aveva sostenuto l’Esecutivo guidato da Giuseppe Conte, Italia Viva compresa, si ritroveranno attorno a un tavolo per parlare di temi e programmi.

Circa una ventina di esponenti che si riuniranno nella sala della Lupa di Montecitorio per dare vita a quello che è stato definito il cantiere sul programma, un passaggio che servirà ad arrivare alla sintesi necessaria per dare vita al Conte Ter. I nodi da sciogliere riguardano Mes e Recovery Plan, oltre l’economia e la giustizia.

All’incontro partecipano i capigruppo di Camera e Senato del Pd, Graziano Delrio e Andrea Marcucci. Per Italia Viva ci saranno i capigruppo alla Camera, Maria Elena Boschi, e al Senato, Davide Faraone, ma non ci sarà il leader Matteo Renzi. Per Liberi e Uguali parteciperanno i capigruppo alla Camera, Federico Fornaro, e al Senato, Loredana De Petris. E per il M5s, i rispettivi capigruppo, Ettore Licheri e Davide Crippa.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA