Obama vede la luce: siamo risorti dalla recessione. E chiede al Congresso l’uso della forza per sconfiggere l’Isis

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Obama vede la luce. “La crisi è superata. L’America è risorta dalla recessione”, parola del presidente Usa, Barack Obama, nel suo sesto discorso sullo stato dell’Unione, “è ora di voltare pagina e di aprire un nuovo capitolo. Perché vinta la sfida più difficile, è necessario che tutti godano della ripresa, a partire dalla classe media che più ha sofferto negli ultimi anni. Non possiamo accettare un’economia che dia vantaggi enormi solo a pochi, ma bisogna impegnarsi per un’economia che generi un aumento dei redditi e delle possibilità per tutti”. Per mettere in atto i buoni propositi il presidente a stelle e strisce annuncia una rivoluzione per quanto riguarda il capitolo tasse. Verrà aumentato il carico fiscale sui super ricchi e sulle grandi banche e imprese per rafforzare il sistema di sgravi e agevolazioni a favore delle famiglie. Pur non godendo della maggioranza Obama è apparso determinato nel portare avanti le sue battaglie anche a colpi di decreto e di veti. Sul fronte internazionale assicura che i jihadisti dell’Isis saranno sconfitti, e chiede al Congresso che autorizzi l’uso della forza, “per mostrare al mondo che siamo uniti” in questa lotta. “Continueremo a dare la caccia ai terroristi e a smantellare le loro reti e ci riserviamo il diritto di agire unilateralmente contro i terroristi che pongono una minaccia diretta a noi e ai nostri alleati”. E per la sua successione incorona Hilary Clinton.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA