Oltre 230 sfollati nel Mugello. A Barberino a causa del terremoto della scorsa notte inagibili decine di abitazioni, negozi e anche il Municipio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Comune di Barberino di Mugello, a causa del sisma che la scorsa notte ha colpito la zona, al termine di una prima fase di sopralluoghi compiuti dai Vigili del fuoco ha disposto l’evacuazione di alcuni edifici, tra negozi e abitazioni, e interdetto l’accesso a una decina di vie che si trovano nel centro storico del paese fiorentino, in parte dichiarato zona rossa. Resta inagibile, al momento, anche il Municipio, chiuso in via precauzionale.

Al momento gli sfollati sono più di 230. Per ospitarli, il sistema di Protezione civile in raccordo con le amministrazioni comunali di Barberino e Scarperia-San Piero, ha allestito 300 posti letto tra Barberino e l’Autodromo del Mugello a Scarperia. Oltre 100 le scosse di terremoto registrate dall’Ingv finora, la più forte è quella di magnitudo 4.5 delle 4.37 con epicentro nel territorio del comune di Scarperia San Piero a Sieve.

Lo sciame sismico è iniziato alle 20,38 di ieri e dalle 12 di oggi, fanno sapere dalla Protezione civile regionale, si sono registrate altre 23 scosse, l’ultima sempre con epicentro tra Barberino di Mugello e Scarperia San Piero a Sieve, ma di intensità inferiore.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA