Omicidio Dalmine, a uccidere il ristoratore della Lega è stato il figlio. La tragedia dopo l’ennesima lite. Il 34enne arrestato questa mattina dai Carabinieri

Ristorante Colleoni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I Carabinieri di Bergamo hanno arrestato, questa mattina, Francesco Colleoni, 34 anni, di Dalmine, con l’accusa di aver ucciso il padre, Franco, noto ristoratore ed ex segretario provinciale della Lega Nord di Bergamo, trovato morto ieri nel cortile della sua abitazione nel comune Bergamasco (leggi l’articolo). Il presunto movente è nei cattivi rapporti familiari e in quelli legati alla gestione del ristorante di famiglia. Nel corso della notte il giovane ha ammesso ai militari una colluttazione con il padre, ma di non ricordare nulla dell’evento, ed è stato arrestato. Secondo quanto hanno ricostruito gli inquirenti, dopo l’ennesimo diverbio per la riapertura del loro ristorante, padre e figlio, cuoco del locale, avrebbero avuto una colluttazione nel corso della quale il figlio avrebbe percosso violentemente il padre facendolo cadere a terra e facendogli sbattere più volte la testa su una pietra del cortile. Francesco Colleoni è stato interrogato dal pm e ora si trova in carcere.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA