Onorevoli fannulloni. Ecco i parlamentari che lavorano e quelli che nemmeno si presentano in Aula

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Chi sono i parlamentari più produttivi e quelli più presenti nelle Aule in questo 2016? A rispondere a questa interessante domanda è l’ultima dossier stilato in questi giorni da OpenPolis.

L’indice di OpenPolis, da cui si esclude chi ha rivestito o riveste incarichi governativi, fornisce un valore alle attività istituzionali tracciabili, come gli atti presentati in Parlamento e il loro iter. Gli analisti hanno assegnato scientificamente un punteggio all’attività istituzionale degli eletti, premiando la presentazione e l’avanzamento nell’iter parlamentare di atti e disegni di legge, la partecipazione ai lavori, il consenso e i risultati ottenuti.

E allora torniamo alla nostra domanda? Chi c’è in cima alla classifica dei più produttivi? La presidente della commissione Giustizia Donatella Ferranti, i due capigruppo della Lega Massimiliano Fedriga e Davide Caparini e i due esponenti del Pd senza incarichi Marco Causi e Davide Porta. Questa è la cinquina dei più produttivi di Montecitorio secondo l’indice stilato da OpenPolis. In fondo alla classifica, invece, troviamo nomi noti come il re delle cliniche Antonio Angelucci o l’habitué dei talk show Daniela Santachè, eletti nelle liste del Popolo della Libertà, oggi Forza Italia.

Parlamento

E per quanto riguarda il Senato? A trionfare a Palazzo Madama è invece il senatore del Pd Giorgio Pagliari, seguito dalla capogruppo di Sel Loredana De Petris e dal vicepresidente della commissione Giustizia, Felice Casson. In fondo alla graduatoria dei produttivi l’avvocato di Silvio Berlusconi Niccolò Ghedini, Sandro Bondi e anche Denis Verdini.

Parlamento

 

Interessante, peraltro, constatare anche la “assenza” dei parlamentari a 5 Stelle. Anche se volessimo fare un conto per gruppo parlamentare, infatti, M5S non svetterebbe. Stando sempre ai dati OpenPolis, infatti, il gruppo più produttivo alla Camera è la Lega Nord, seguito da Sinistra Italiana-Sel e Fratelli d’Italia (poi M5S); mentre al Senato dopo ancora la Lega Nord, troviamo Maie-Psi, il Pd e solo dopo (ma sotto la media) gli altri a cominciare da M5S e Forza Italia.

Assenti e presenti – Ma a questo punto andiamo a vedere chi svetta (o meno) nelle classifiche dei più presenti o assenti nelle Aule legislative. Ancora una volta, c’è una cinquina del Pd a guidare la classifica dei più presenti nell’Aula di Montecitorio. Secondo i dati OpenPolis troviamo Cinzia Maria Fontana, Giuseppe Guerini, Tino Iannuzzi, Marco Carra e Piergiorgio Carrescia. Volti non noti al grande pubblico. Più facile invece riconoscere gli sconfitti di questa competizione: da Antonio Angelucci già insignito del titolo di deputato meno produttivo all’ex ministro Michela Vittoria Brambilla. Spazio anche ai Fratelli d’Italia Giorgia Meloni e Ignazio La Russa e a Fabrizio Cicchitto, eletto nelle liste del Popolo della Libertà e passato poi nel Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano.

E al Senato? Anche qui è il Partito Democratico a conquistare le prime cinque posizioni nella graduatoria sugli eletti più presenti al momento del voto a Palazzo Madama: Carlo Pegorer, Federico Fornaro, Daniele Borioli, Giuseppe Cucca, Nicoletta Favero.  Difficile, ancora una volta, non conoscere gli assenteisti: Niccolò Ghedini e Denis Verdini, già trionfatori della graduatoria sulla scarsa produttività parlamentare, gli ex ministri del governo Berlusconi Giulio Tremonti e Altero Matteoli. Insieme a loro c’è anche Giacomo Stucchi della Lega che, tuttavia, può giustificare le sue tante assenze con il ruolo di presidente del Copasir.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA