Ora ci avvertono pure gli Stati Uniti. I jihadisti sono pronti ad attaccare l’Italia usando gli infiltrati nei barconi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’allarme questa volta arriva direttamente dal dipartimento della Difesa statunitense. John Sutherland, uomo di grande esperienza e da sempre in prima fila per combattere i terroristi in Iraq, ha affermato in un’intervista che il rischio attentati è elevatissimo anche in Italia, soprattutto dopo gli attacchi in Tunisia: “È stata una mossa logica e necessaria per lanciare un attacco al meridione d’Italia perché l’Isis ha Roma nel mirino e colpirà usando gli infiltrati nei barconi”. Il Califfo più volte nei suoi annunci ha promesso di mettere le mani su Roma, invitando di fatto i musulmani presenti nel nostro territorio a combattere sotto la bendiera dell’Isis. Per le agenzie di intelligence il flusso migratorio con i barconi verso le nostre coste viene etichettato sotto questa espressione: “L’invasione africana dell’Italia”. Una mossa attraverso cui l’Isis cerca di conquistare avamposti in Italia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA