Ora è la Svizzera

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Nicoletta Appignani

Il turismo sessuale non risente della crisi economica, soprattutto se possono bastare meno di 100 euro e poche ore di macchina. La destinazione più in voga del momento? Incredibilmente è la Svizzera, patria delle case di piacere e meta favorita dai sempre più numerosi pendolari del sesso.
“Nel nostro settore la crisi non si nota: il numero di clienti che viene nel locale è rimasto invariato” – racconta Ulisse Albertalli, padrone del bar Oceano di Lugano”. Qui si pagano 15 franchi per l’ingresso, che comprende una consumazione, poi i clienti si accordano con le ragazze. I proprietari non gestiscono mai gli incontri: si paga l’affitto del locale dove svolgono le “attività” e i soldi che guadagnano le ragazze sono loro. Solo in questo “bar” ci sono in tutto una sessantina di donne.

E i clienti? “Dai 18 ai 70 anni. Quasi tutti italiani. Se non esistesse la Lombardia sarebbe un bel problema, soprattutto la sera” dicono i gestori di altre sale. Felici perché non si guadagna solo nel weekend, ma anche durante la settimana. Partendo da Milano per arrivare “in paradiso” ci vuole appena un’ora di macchina. E i clienti appaiono a tutte le ore. Già durante il pomeriggio si fermano parecchi uomini d’affari che si trovano in Svizzera per altri motivi e che, finito il lavoro, decidono di divertirsi nei locali”.

Un cliente ci racconta che spesso è la ragazza a stabilire il prezzo. “A volte decidono in base alla simpatia di chi hanno di fronte. E neanche è detto che accettino. La tariffa minima comunque è di 50 euro”.

Un prezzo abbordabile, insomma. Ma c’è anche chi decide di spendere somme maggiori e di allungare il viaggio. Si parte addirittura dalla Liguria e da altre regioni del centro-nord per raggiungere mete ancora più distanti. Il programma più gettonato è sempre lo stesso: gli amici si riuniscono il sabato mattina e partono in auto alla volta di Zurigo. Spesso la destinazione è uno storico locale del settore: il Globe. Qui si entra, si pagano 95 franchi (circa 80 euro) che danno diritto all’accesso alla SPA e ad illimitate consumazioni di bevande analcoliche. Poi la receptionist porge al cliente accappatoio, ciabattine e asciugamano: blu per i nuovi clienti, bianchi per gli habitué. Una volta ottenuta la chiave per una cassetta di sicurezza parte il tour, che inizia dallo spogliatoio con le docce.

I servizi offerti dalle ragazze qui però costano cari. Mezz’ora trascorsa con loro? Circa 120 euro se si sceglie la stanza senza troppi confort, ma c’è chi è disposto a pagarne 240 per la stanza con la jacuzzi, non affittabile per meno di un’ora.

Eppure nei weekend o durante le festività il locale si riempie. Tra i clienti soprattutto italiani, francesi e tedeschi. “Gli uomini sanno che possono fidarsi. Facciamo controllare le nostre ragazze ogni 3 o 4 mesi” ci spiega un receptionist: “Effettuano test HIV, epatite B e C ed esami per qualsiasi altra malattia sessualmente trasferibile”.

Il Globe è inoltre uno dei pochi locali che nella tariffa di ingresso non comprende neanche l’accesso al ristorante e per questo non è raro che gruppi di ragazzi risparmino qualche decina di euro portandosi un pranzo al sacco.
Il weekend di trasgressione termina la domenica pomeriggio, quando si risale in macchina, si dividono i soldi della benzina e si torna a casa. Pronti ad inventare scuse per le fidanzate e a raccontare aneddoti piccanti agli amici rimasti a casa.