Ora vediamo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Gaetano Pedullà

Al prevertice dei socialisti europei si è permesso di arrivare tardi. Con i suoi 31 eurodeputati Matteo Renzi può usufruire di questi e altri lussi. Ma da qui a spuntarla, prima con il fronte interno e poi con quello dei Popolari della Merkel, ce ne corre. In gioco non ci sono solo le nomine dei nuovi vertici Ue. Questo è il momento di cambiare volto a un’Unione che ha fallito. Abbiamo una moneta unica ma tanti cuori diversi. Troppi euroburocrati e nessuna politica estera comune. Poca solidarietà tra gli Stati, molto rigore sui conti. Questa Europa deve cambiare ha detto il nostro premier, e non ha torto. Come in Italia però, c’è poco tempo per procedere a piccoli passi. Bruxelles può avere un peso determinante per uscire dalla crisi. O per farci sprofondare sempre più in basso. L’onda d’urto degli euroscettici non ha travolto l’istituzione, ma il segnale che arriva dalla Francia e non solo si è sentito bene. Certo, Renzi può mettere sul tavolo l’autorevolezza di un leader che guadagna consensi mentre quasi tutti gli altri escono sconfitti dalle urne. Servirà a spingere D’Alema e forse Enrico Letta in Commissione. Convincere i partner a darci più tempo per applicare il Fiscal compact o più margine nel rapporto tra deficit e Pil, sarà tutta un’altra cosa. È qui però che si misura come sarà la nuova Europa e soprattutto quanto conteremo davvero. I mercati che se ne infischiano della sovranità popolare e hanno imposto la loro dittatura con l’artificio dello spread, ora sono più tranquilli. Forse è il momento buono per imporre gli Eurobond. A meno che, Renzi o non Renzi, in Europa contiamo sempre lo stesso. Poco e niente.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA